Translate

sabato 16 agosto 2014

UNA GOCCIA PERSA TRA LE DITA

                                                                 


E nella schiusa

non più acerba della vita

quando si discostino

quegli strati

che più vorremmo avvinti a noi

si scinde l’asfalto d’amore

Viene tratto a forza

nella capacità propria

vogliosa divenire smisurata

come una dimentica distesa

ove cielo e mare

avvicinino le distanze

tralasciando una goccia

persa tra le dita….

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati aprile 2014

16 commenti:

  1. Sai chiudere in modo sublime.
    Bruno Amore

    RispondiElimina
  2. Splendida poesia, buon fine settimana Silvia
    Marta Giaccaglia

    RispondiElimina
  3. Bellissima.
    Paola Romani

    RispondiElimina
  4. Raffinati versi per una splendida Poesia!!! Sei grande dolce Poetessa Silvia. Buon fine settimana
    Ester Mastoianni

    RispondiElimina
  5. Ciao Silvia, stupendi pensieri, molto coinvolgenti, complimenti, ciao grazie, buon week end a presto rosa.)
    Rosa Santinelli

    RispondiElimina
  6. Versi aulici cara Silvia!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  7. Bellissima e profonda!
    Dany Blasi

    RispondiElimina
  8. Splendidi versi Silvia...buona giornata
    Fidia Quaranta

    RispondiElimina
  9. Bella!
    Alessandra Ponticelli

    RispondiElimina
  10. Intraprendenza d'anima
    Simonetta Simoncini

    RispondiElimina
  11. Silvia i miei complimenti a questa bella poesia
    Agnese Giallongo

    RispondiElimina
  12. Come una dimentica distesa
    ove cielo e mare
    avvicinino le distanze...
    Dora Forino

    RispondiElimina
  13. Grazie infinite a voi tutti per i graditi commenti. Vi auguro un radioso sabato,silvia

    RispondiElimina
  14. Che classe la tua, poetessa!
    Rita Stanzione

    RispondiElimina
  15. Versi meravigliosi che emozionano, toccano il cuore!
    Sei grande carissima Silvia!!!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  16. L’amore equilibrio esistenziale, senza il quale l’umanità scivolerebbe nell’irreversibile voragine del nulla, par che si s’allontani fino ad estinguersi sui sentieri del vitale tramonto, ma mentre ci sfugge dalle mani ecco riaccendere quella smisurata voglia all’immense distese che all’orizzonte si baciano, inscenando grandezza divina. Nulla l’assuefazione alla vita, diventa impercettibile davanti all’inestimabile spettacolo, che solo una goccia del grande sentimento riesce a scappare dall’unite mani protese verso il cielo. Grande interpretazione poetica sarebbe l’inscenare questi meraviglio versi. Applauso alla stimata poetessa.


    RispondiElimina