Translate

giovedì 23 gennaio 2014

SOFFI DI FRAGILITA'

                                      


Quella fragilità latente
che s’accorpa silenziosa
nelle immediate vicinanze del sé
addensa veli trasparenti
tatuati di movenze
d’un grecale consapevole
E da allora
si impastano
elevate
modalità  d’alchimie inedite
nell’immaginoso
interprete di regie
insufflate di morbida emotività

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati  agosto 2013

9 commenti:

  1. L'essere fragili rende anche notevolmente emotivi.Bella poesia
    Saluti, Marco

    RispondiElimina
  2. ciao silvia, bella poesia, molto dolce e molto ben descritta, complimenti, la fragilita' e l' emotivita' fanno scaturire situazioni inedite e impreviste, per nascondere e sopperire a questo lato del carattere che ci sta stretto, penso, ciao grazie baci rosa a presto, buona giornata.)

    RispondiElimina
  3. Ispirazioni dell'anima danno corpo ai tuoi bei versi...
    Un abbraccio,Elisa

    RispondiElimina
  4. Grazie infinite delle vostre gradite osservazioni ai versi.
    Un abbraccio,silvia

    RispondiElimina
  5. La vita ed i suoi perché fanno sì che una burrasca avvenga nel nostro intimo, un vento dispettoso che non sempre ci fa sorridere. Berta Biagini

    RispondiElimina
  6. Stati d'animo in versi altamente poetici ed eleganti , Bravissima Silvia complimenti infiniti, abbracci , giovanna

    RispondiElimina
  7. Un poetare sempre molto elegante per questi versi che esprimono molto bene quegli stati d'animo di fragilità emotiva che a volte ci travolgono.
    Un saluto nella notte. Stefania

    RispondiElimina
  8. Per quanto si cerchi di nasconderlo o dimenticarlo, ognuno di noi ha una sua fragilità, che a volte emerge e ci condiziona, spingendoci a vivere ansiosamente e sollecitando corde emotive che vorremmo silenziare, sopire, in nome di una certa tranquillità.
    Un brano articolato, elegante e gradevole.

    RispondiElimina
  9. Con delicatezza di un soffio questa lirica, descriventi sensazioni, entra nel mondo del surreale, dove ciò che non si vede né si tocca, diventa sillabario poetico. Quell’arte che scivola come una carezza, sono versi a decantare inclinazioni sottili facenti parte dei labirinti più nobili dell’espressione, dove si nasconde il talento del dire, raccontare o come banalmente dire descrivere, ma di certo non è descrizione ciò che un’anima sente. Questa esternazione fa parte di un mondo non comune, è un soffio di fragilità che ha dipinto di suoni e di colori una tela, tale da impressionare occhi distratti da un mondano circondario.

    RispondiElimina