Translate

venerdì 31 gennaio 2014

BISOGNO D'ALTRI

                                           
                 


Nel deserto
che s’impaglia
a bocche di silenzio
si dissolvono pensieri esili
barattati dall’esser soli
nell’anestesìa del sé
Corrugato
sulle spiagge desolate
sferra ovunque parole insulse
che faccian da esca
a lingue nei dintorni
nella vertigine
d’una percussione
che rimbalzi suoni di vita
  
Silvia De Angelis tutti i diritti riservati settembre 2013

10 commenti:

  1. Solitudine che fa arrestare i battiti del cuore...Sempre belle le tue poesie
    Saluti,Marco

    RispondiElimina
  2. ciao silvia, molto belli questi pensieri e tristemente veri, nella solitudine, specie quella non voluta, ci si annienta , si cerca un qualsiasi appiglio che ci tenga agganciati alla vita esterna, per sentirci ancora vivi, complimenti molto profonda e sempre ben articolata, ciao grazie buona giornnata rosa.)

    RispondiElimina
  3. Quei rimbalzi di suoni di vita sono davvero belli...
    Un abbraccio, Elisa

    RispondiElimina
  4. Solitudine..troppo spesso provata sensazione che ci da disagio, ci fa sentire tristi, ma anche desiderio di uscire da questo stato momentaneo di malessere, di sentire voci, suoni che rianimino l'animo...concetti ben espressi come sempre nei tuoi versi..
    Passa una buona giornata, abbraccio Stefania

    RispondiElimina
  5. Grazie di cuore, delle vostre osservazioni, vi auguro uno spensierato fine settimana,silvia

    RispondiElimina
  6. Una brutta bestia la solitudine capace di portarci all’esasperazione sino al punto di commettere atti che mai avremmo voluto mettere in pratica. Cercare compagnia è l’unica vera medicina che ci può far ritrovare la luce e per di più non fa nemmeno male. Berta Biagini

    RispondiElimina
  7. La solitudine è il male del nostro secolo, nonostante il boom dei mezzi di comunicazione e nostra disposizione.
    Si può essere comunque soli, anche in mezzo a una folla. Spesso però la solitudine è una dimensione dell'anima, ovvero una condizione che ci creiamo noi, quando chi chiudiamo in noi stessi - nonostante si sferrino "parole insulse che faccian da esca" - senza vedere che a volte c'è la mano protesa di un altro individuo solo come noi.
    Versi raffinati e articolati, come sempre.

    RispondiElimina
  8. Solo chi la vive o la vissuta può comprendere questo stato d'animo che attanaglia .

    Prepotentemente si sente il bisogno degli altri , spesso molti sono sordi e ciechi.

    Buona domenica
    Rakel

    RispondiElimina
  9. Metriche d'autore libere di volare
    Maurizio

    RispondiElimina
  10. Cara Silvia affranto dalla notizia porgo le mie più sincere e sentite condoglianze per la scomparsa della mamma.
    Il mio abbraccio forte.
    Maurizio

    RispondiElimina