Translate

martedì 3 settembre 2013

NUOVO NASCER (LA MIA PRIMA POESIA)

                                                 

Riflesso di cobalto luminoso
delimitante una sponda.

Di li'a poco s'inerpica
un minuscolo rivolo.

Rare ombre ondeggianti
sfumano d'intorno.

Versi dell'anima intinti
a forza in quel silenzio
escon flebili
come leggeri fruscii.

Intonate melodie
di parole lontane
accennano
quella creazione del cuore

Immagini elastiche
son sfondi di quel profondo
consapevole,
in grande desiderio
di espansione...

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati novembre 2009

20 commenti:

  1. La prima poesie è sempre molto bella.
    I miei complimenti
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Grazie infinite, Mau, buona serata e un saluto, silvia

    RispondiElimina
  3. Complimenti, mia cara Silvia, i versi di questa poesia sembrano acquarelli di una tela...
    Buona serata, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto belle, le parole del tuo gradito commento, Stefania...
      Un sorriso per te, silvia

      Elimina
  4. Uno stile particolare e inconfondibile ti ha sempre accompagnata Silvia! Questa prima è stupenda! ciao e buona serata!
    rosanna g.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di leggermi, cara Rosanna, un abbraccissimo e tanto verde nel tuo pomeriggio, silvia

      Elimina
  5. ciao Silvia, complimenti bella questa tua prima poesia,molto musicale, arriva un momento in cui si sente la necessita' di condividere emozioni dettate dal cuore, non si riesce a farne a meno, lasciamo un segno del nostro passaggio , ciao grazie baci rosa a presto.) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di grande densibilità, le tue osservazioni di oggi, che ho gradito in modo davvero particolare...
      Un bacione, Rosa, silvia

      Elimina
  6. Una prima poesia delicata, nel suo bel contenuto di immagini sensibili...
    Buona giornata, Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, Elisa, ti saluto con molto affetto, silvia

      Elimina
  7. La poesia ha bisogno di silenzio, perché nasce da un muto dialogo col proprio cuore.
    Quale migliore occasione che scrivere trovandosi sulla riva del mare o di un fiume! Tutto induce all'introspezione ed alla speculazione: la forma, lo spazio, il colore e fa pervenire infine al riconoscimento di un desiderio vago e inespresso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero peculiare, e rispondente a grande realtà, il tuo commento di oggi, caro Guardiano del Faro, sempre attentissimo al significato e alle sfumature del mio scrivere....grazie infinite e un caro saluto, silvia

      Elimina
  8. La numero uno (come la prima monetina di Paperone) ha imboccato la strada giusta per arrivare a quel traguardo del quale ogni giorno siamo onorati di partecipare – un piacevole appuntamento da non mancare. Berta Biagini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graditissimo, il tuo bel commento di oggi, Berta...
      Trascorri una splendida sera, un abbraccio, silvia

      Elimina
  9. Prima composizione, dove è già visibile il tuo splendore. I colori sono luminosi e si traducono in intense emozioni... bravissima! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima, cara Donatella, con le tue belle parole di commento.
      Buona serata e un abbraccio, silvia

      Elimina
  10. Era già l'anticipo dei tuoi meravigliosi e unici versi.
    Inimitabile bravura d'istinto innata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un immenso piacere averti qui, Piera, un bacione, silvia

      Elimina
  11. Certi scenari inducono veramente la necessità di spaziare e, a volte quasi di volare. Un salutone, Fabio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto sentite le parole, che hai reso vitali, nel tuo bel commento....grazie infinite, un saluto, silvia

      Elimina