Translate

sabato 24 marzo 2018

SOLITUDINE SCELTA



S’impenna nella fonte del pensiero
“un quasi attrito”
Sgretola castelli e dipinte mete
rivolte a penombre
immeritevoli d’encomio
Si svuotano le tasche
colme di sogni
e il passo si fa mesto
nel viale solitario
La brezza fumosa d’animo
sussurra
amareggiata
che l’unico centro
equidistante dalla vita
siamo noi
al confine d’una lacrima
scesa prima dell’ora
@Silvia De Angelis 2018


15 commenti:

  1. "Si svuotano le tasche
    colme di sogni
    e il passo si fa mesto
    nel viale solitario"

    br1

    RispondiElimina
  2. Luisa Alessandri Una scelta poetica che disarma per quanto è scritta in maniera particolare dove l'interprete è la solitudine. Che meraviglia! Grazie cara Poetessa e Buona Domenica. 💐💗🌸🌷🌻💟😊😊

    RispondiElimina
  3. Rosa Santinelli bellissima descrizione della solitudine, complimenti,se e per scelta e piu tollerata ma pur sempre una situazione che intristisce, ciao baci buona domenica.)

    RispondiElimina
  4. Agnese Giallongo Sempre un piacere leggerti cara Silvia le tue liriche sono bellissime

    RispondiElimina
  5. Somos latido, emoción y sentimiento, que las lágrimas caigan, que nos sirven para purificarnos.

    Un placer leerte, preciosa.

    Besos enormes y feliz tarde.

    RispondiElimina
  6. Un canto di solitudine in questi versi che, ripercorrono sogni ambiti cancellati, armonia d'intenti mai raggiunta in un rapporto a due mai decollato, solo tanto rimpianto ed amarezza per il tempo volato via come fumo ritrovandosi sola a riflettere che è stata la cosa più giusta da fare. Una lirica da cui si evince la tristezza e l'accoramento per la situazione venutasi a creare, versificata con lemmi aulici ed eleganti. E' un piacer leggerti carissima, buona serata!

    RispondiElimina
  7. Non sempre la solitudine è nostra nemica se riusciamo a trovare il lato buono della cosa – a volte in essa ponderiamo più del solito e riusciamo a trovare quei cavilli che altrimenti passerebbero in sordina ed ai quali anche se con ritardo possiamo attaccarci.

    RispondiElimina
  8. Hola Silvia.. Muy emotivo poema, al borde de la lagrima que cae equidistante de la vida.
    Un abrazo..

    RispondiElimina
  9. Marta Molinelli Brava

    Paola Romani sempre raffinato poetare bravissima ....

    RispondiElimina



  10. Coucou du matin ou du soir

    Regardant L'heure
    J'ai traversé toute la ville

    pour aller à la boulangerie chercher des croissants

    Et les partager avec toi avec un petit café

    https://s18.postimg.org/eo2wehdft/caf.jpg


    Et sur tes joues te dire bonjour ou bonsoir
    mon Amie (i) si précieux
    A la fraîcheur du matin
    J'ai entendu le chant des oiseaux

    J'ai vu le soleil qui se lever
    je t'envoie un grand bonjour plus chaud que le soleil ,
    plus clair que la lune, plus beau que le jour

    A la fraicheur de la nuit je me suis dis que tu étais encore la ALORS

    Qu'il fais bon te dire et te souhaiter une bonne journée ou soirée

    gros bisous.

    https://s31.postimg.org/69r6p0tgr/c5b0b7e3.gif





    Bernard





    RispondiElimina
  11. Un vero piacere leggerti, i miei complimenti!
    Un saluto ed un abbraccio! Beatris

    RispondiElimina
  12. A veces, es en esos instantes de soledad, donde encontramos las respuestas a los jeroglíficos de nuestra vida…

    Bellos versos, mi querida amiga… Y la imagen, me encanta…
    Siempre un placer leerte.

    Bsoss enormes, y feliz tarde 😘

    RispondiElimina
  13. For most up-to-date news you have to visit internet and on web I found this
    web site as a finest website for most up-to-date updates.

    RispondiElimina
  14. Citava C.Gustav Jung "la solitudine è per me una fonte di guarigione che rende la mia vita degna di essere vissuta". Molta gente teme la solitudine ma non sempre è qualcosa di negativo spesso ci aiuta ad osservare, a capire meglio le cose, ci aiuta a maturare a prenderci cura di noi stessi, soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà, quando le nostre mete tanto aspirate ci sembrano così lontane, è un momento di riflessione. Forse sono andata un pò fuori ma ho scritto in maniera molto istintiva. La Pasqua è passata, spero tu l'abbia trascorsa serenamente, ti abbraccio carissima.

    RispondiElimina
  15. Olá, Silvia!
    Deste teu belíssimo poema, "SOLITUDINE SCELTA", transcrevo os versos que o encerram, belo como os demais versos:

    "La brezza fumosa d’animo
    sussurra
    amareggiata
    che l’unico centro
    equidistante dalla vita
    siamo noi
    al confine d’una lacrima
    scesa prima dell’ora"


    Tenha uma ótima semana.
    Beijo.
    Pedro

    RispondiElimina