Translate

sabato 17 ottobre 2015

CHIAROSCURI




Scivola l’immaginoso
su friabile piano d'argilla
eludendo
il tracciato stremato
d’una frequenza logora
Acuti rumori
di  lontano spessore
vibrano sul palpitare di ciglia
mosse da  giorni avari di luce
L’azzurrato d’impatto
diviene disadorno
cadenzato da scorie
 dorate di bacche
fluttuanti fra gorghi di foglie emaciate.
Nostalgiche trasparenze
di veli passionali
sfiorano l’epidermide
vogliosa d’esprimere
un’ellisse amorosa
che frughi nel boccio
d’un anemone al suo albore



 
Silvia De Angelis tutti i diritti riservati giugno 2015

7 commenti:

  1. Sara Cristofori
    Bellissima, ventata di nostalgia ciao Silvia

    RispondiElimina
  2. Angela Merletti
    Sempre stupende le tue poesie, è un vero piacere leggerle!

    RispondiElimina
  3. Franco Sbuffa
    Una poesia definirei a: dieci cirri sopra il cielo e 100 metri sotto il mare, da assaporare in maestoso silenzio... Di cuore, ed il cuore non mente, complimenti.

    RispondiElimina
  4. Versi meravigliosi che toccano il cuore!
    Un abbraccio e buona domenica da Beatris

    RispondiElimina
  5. Si desidera cambiare rotta su vecchie abitudini di menage ormai sfilacciato e che non dà nessun mordente. Voglia di nuovo che ridia emozioni ormai dimenticate, in una nuova storia che faccia battere il cuore e doni frullio all'anima. Bellissima lirica, scritta con versi ricamati come tu sola sai fare, apprezzata. Felice serata ed un abbraccio!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  6. I tuoi versi, cara Silvia, sono cibo prelibato per il cuore e la mente.

    RispondiElimina
  7. Desiderio di novità, di emozioni che riescano a ridare slancio vigoroso all'esistenza, in versi dal fascino unico, inimitabile! Un abbraccio e buon inizio di settimana Silvia!

    RispondiElimina