Translate

domenica 7 giugno 2015

'A RIMA



Mo che ‘sta luna sorniona
sembra ammiccà e famme l'occhietto
me sento 'nfriccigo drento
che quasi me n’voia a buttà giù
quarche verso

A di la verità mo nun ciò
propio l'umore giusto perché er creato
fa sempre de tutto pe' levatte er respiro
e corpitte 'nfino 'nfonno, così nun t’aripii più

Ma io so' tosta e sai che te dico?
Vojo 'nnà avanti a testa arta
e puro 'nventamme quarche rima malandrina
che me fa soride e me fa riscoprì
er lato bello d 'a vita

LA RIMA (Traduzione)
Ora che questa luna ambigua
sembra ammiccare e farmi l’occhiolino
mi sento un’emozione dentro
che quasi mi invoglia a scrivere
qualche verso

A dire la verità ora non ho
proprio l’umore giusto perché il creato
fa sempre di tutto per toglierti il respiro
e colpirti fino in fondo così non ti riprendi più

Ma io sono dura e sai cosa ti dico?
Voglio andare avanti a testa alta
ed anche inventare qualche rima  maliziosa
che mi fa sorridere e riscoprire
il lato bello della vita

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati 2012

4 commenti:

  1. Bella poesia, adoro il vernacolo romano. Brava come sempre Silvia. Buona domenica pomeriggio!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  2. Tutta un’altra cosa la prima versione, si gusta molto di più. In primis – non ho potuto fare a meno di leggerla su quelle pagine che sempre fanno compagnia ed abbelliscono quell’angolino che riporta ad una passione che sembra non finire. Berta Biagini

    RispondiElimina
  3. Il carattere forte della poetessa, si esprime ed esalta in questa musicale poesia in vernacolo! Incantevole e tu sei bravissima!

    RispondiElimina
  4. Meravigliosa!!!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina