Translate

giovedì 6 novembre 2014

SOTTOVOCE D'INGANNO

                                                          


Silenziosa
sbriciola
nel rimestio accigliato del pensiero
consistenze ruvide di bambù
Le ridesta a modo
nel verde turgore del baccello
di longilineo indosso
Adesca
con arguzia
credule voci di naftalina
mentre
dietro  sottovoce d’inganno
reciti ambiguamente
raffinato sgarbo

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati novembre 2014






 






 

 

14 commenti:

  1. Come un puma in agguato, nel cespuglio del pensiero, la voce ruvida dell’inganno,
    racchiusa nell’elegante baccello di adulante facciata, assale con sgarbo la preda nel retroscena di reale convinzione. Infatti, quante volte ci siamo trovati di fronte a situazione che mascherano l’inganno con espressioni di sola parvenza. Certamente non è parvenza questa metafora, che come un felino riesce a sfiorare senza ferire, emanando essenza d’etimologia poetica. Un caro saluto Silvia.

    RispondiElimina
  2. Temi della vita interpretati originalmente
    Saluti,Marco

    RispondiElimina
  3. Raffinato simbolismo in poesia, bravissima
    Paola Romani

    RispondiElimina
  4. Elegante elaborazione di poesia in versi
    Agnese Giallongo

    RispondiElimina
  5. Ciao Silvia, una fne e sottile descrizione degli atteggiamenti di persone subdole, che vogliono colpire a tutti i costi un bersaglio, bellissima "credule voci di naftalina" complimenti, ciao, buona giornata, Rosa
    Rosa Santinelli

    RispondiElimina
  6. Sempre stupende e raffinate le tue liriche, inchino a te, cara poetessa
    Nadia Mazzocco

    RispondiElimina
  7. Splendido ritratto dell'inganno, sottile e affilato, come una lama
    Buona giornata dolcissima mia
    Donatella Pezzino

    RispondiElimina
  8. Buongiorno Silvia con le tue splendide poesie
    Marta Giaccaglia

    RispondiElimina
  9. Sempre un bellissimo risveglio con la tue magnifiche poesie
    Marilena Borioni

    RispondiElimina
  10. Grazie a tutti delle gradite osservazioni, buona serata e un abbraccio,silvia

    RispondiElimina
  11. Un pizzico di eros intravedo tra le righe che sottovoce si sguinzaglia nel labirinto della vita che molto spesso ed all’improvviso assume quel colore del tutto particolare che arriva persino a farci ribellare. Berta Biagini

    RispondiElimina
  12. Brava!Il tuo scrivere è vento che agita dentro e avvolge la pelle dell'anima!

    RispondiElimina
  13. Sempre elegantissimo il tuo stile. Bellissima poesia!
    Angela Merletti

    RispondiElimina
  14. L'Amore non deve vestirsi di inganni, può solo ferire talmente tanto da procurare un dolore davvero infinito. Che lessico incredibile mia cara Silvia.
    Luisa Alessadri

    RispondiElimina