Translate

venerdì 28 novembre 2014

NEL GIORNO CHE FU (Addio mamma)



Irosa neve
in estate
intemperia ammiccante
verso il sacrario solitario
Imprecano
emaciate caviglie
nel passo d’incenso
sul viale infiorato
Stimmate lacrimali
travolgono l’incarnato….
si fa estenuato nel tempo
affranto
nella dimensione di loto sfiorito

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati novembre 2014

9 commenti:

  1. Commovente, questa tua, piena di quall'amore che non smette mai di esistere...
    Bacioni, Eleonora

    RispondiElimina
  2. che meraviglia Silvia! che musica nelle assonanze, che preziosità nella scelta vigilata e accorta dei termini, che a una prima lettura appaiono assolutamente spontanei, come uno zampillo d’acqua da una roccia profonda...certo dalla roccia di una memoria difficile da digerire (io ho perso mia madre in anni recenti)…facciamolo rifiorire quel loto, ci servirà a dimenticare, anche solo per un attimo «che quanto piace al mondo è breve sogno»
    un abbraccio
    Piergiorgio

    RispondiElimina
  3. Versi che ti penetrano nell'anima....buongiorno poetessa
    Rosa Maria Giorgio

    RispondiElimina
  4. Versi splendidi con tanta emozione
    Agnese Giallongo

    RispondiElimina
  5. Apprezzata
    Michele Trano

    RispondiElimina
  6. Profonda e bella
    Anna Rita Gambelli

    RispondiElimina
  7. Hai una proprietà di linguaggio che ti permette di creare immagini straordinarie
    Domenico Sarrocco

    RispondiElimina
  8. Bravissima, poetessa, buongiorno
    Iole Testa

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutti per aver apprezzato questi versi, oltremodo sentiti
    Un caro saluto,silvia

    RispondiElimina