Translate

domenica 26 ottobre 2014

L'UOMO DELLA DOMENICA

                                                                         


Coglie la fragilità d’una penombra
discostando il sogno
dal moto del dì frenetico
l’uomo della domenica
Imbelletta di traguardi immaginali
la sintonia d’un vocio
che non chieda numeri al tempo
Amplia
di gran lunga
il metro della sua finestra
per attingere
in quel turchino d’un sapore nuovo
la nudità
senza fronzoli
d’un bagliore di vita

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati ottobre 2014

14 commenti:

  1. .....per me è sempre domenica...
    Michele Trano

    RispondiElimina
  2. Affascinante, bella, insolita riflessione!Buona domenica Silvia!
    Rosanna Gazzaniga

    RispondiElimina
  3. Ciao Silvia, bellissima e molto particolare, complimenti,una pausa dalla frenesia della vita, si diventa più consapevoli di noi stessi e di quello che ci circonda, senza obblighi, nè orari. Ciao, grazie, buona domenica, a presto, Rosa
    Rosa Santinelli

    RispondiElimina
  4. Bellissima!Buona domenica Silvia
    Carmen Di Lorenzo

    RispondiElimina
  5. La domenica, giorno tutto nostro....molto bella Silvia, buongiorno
    Fidia Quaranta

    RispondiElimina
  6. Bellissima Silvia, buona domenica
    Rita Stanzione

    RispondiElimina
  7. Fantastica e misteriosa, buongiorno mia cara
    Rosa Maria Giorgio

    RispondiElimina
  8. Favolosa, molto particolare
    Marilena Borioni

    RispondiElimina
  9. Quanto amore dài, mia cara Silvia
    Fany D'Oronzio

    RispondiElimina
  10. Bellissima
    Felicetta Pistilli

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti dei commenti, buona domenica pomeriggio,silvia

    RispondiElimina
  12. Bei versi dedicati all'agognato riposo settimanale densi di consapevole tenerezza. Ciao Silvia e buona domenica
    Fiorella Canuto

    RispondiElimina
  13. Ciao Silvia, complimenti molto bella!!! La solitudine alle volte è un toccasana per la nostra anima... per scorgere quella luce che ci aiuta a vivere!!! Buona serata
    Marica Corleto

    RispondiElimina
  14. A volte non ce ne accorgiamo, ma non diamo peso alle cose più semplici ed è proprio lì invece il bandolo della matassa. Berta Biagini

    RispondiElimina