Translate

venerdì 31 ottobre 2014

FUMACEITA' ARCANE (31 OTTOBRE)



                                                    

 
 
Risuona
di realtà enigmatiche
il buio sfumato
d’un balsamo diafano
Enfatizzano
clandestina andatura
femmine prive di fascino
osannanti l’apice
di zucche accese
Si dilata la scaltra allegoria
d’un mito remoto
superstite
d’un pertugio tenebroso
che a fatica
accaparri
adulatore piglio
di fumaceità arcane
vulnerabili
assai
nel degrado del tempo

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati ottobre 2014



11 commenti:

  1. A me le zucche accese non dispiacciono per nulla ^^ a me fanno molta allegria ^^ e mi fanno pensare ad alcuni paesi in cui mi piacerebbe vivere ^^
    Bellissimi versi! A presto... Dream Teller ^^

    RispondiElimina
  2. ciao Silvia, bellissima descrizione che mette in risalto l'altra faccia di questa festa importata, apparentemente innocua, antiche credenze e riti , hanno il sopravvento
    giustificando ogni nefandezza, ciao , complimenti, grazie buon venerdi' a presto rosa

    RispondiElimina
  3. Una poesia che ho apprezzato moltissimo! Non mi piace questa "festa", non la gradisco davvero.Ha degli aspetti che no mi convincono e hai descritto con versi esemplari la sua natura irriverente. Bravissima, come sempre, mia cara Poetessa
    Luisa Alessandri

    RispondiElimina
  4. Sempre bello leggere intrecci di parole stupende
    Agnese Giallongo

    RispondiElimina
  5. Artista poliedrica ed elegante nelle mille sfumature dell'anima. Complimenti!
    Dany Blasi

    RispondiElimina
  6. Raffinata nella ricerca poetica, bravissima
    Paola Romani

    RispondiElimina
  7. Particolarmente bella, bravissima, complimenti!
    Marilena Borioni

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti dei bei commenti, buona festività di halloween, silvia

    RispondiElimina
  9. Non riesco neanche a trovare le parole, talmente non riesco a sentire questa festa. Scusami - l'ho letta ben due volte (forse non è il momento giusto). Berta Biagini

    RispondiElimina
  10. Il fascino dell' ignoto in questa festa che ora risuona come importata...ricordo bene quando piccola mascherina bussavo alle porte dei vicini con la consueta domanda...poesia bellissima Silvia!
    Rosanna g

    RispondiElimina
  11. I tuoi titoli Silvia mi fanno impazzire.. bellissimi.
    Maurizio

    RispondiElimina