Translate

sabato 20 settembre 2014

ASIMMETRIA

                                                


Asimmetria
sfalsata ribalta d’un eccezione
che di regola sfugga il nesso
mutandone la via
Diviene fascino
per chi aduli contraddizioni
e transiti di luna accesa a mezzanotte
quando una stella vibri fra le dita
e la punta in più  che la fa unica
mischi l’attenzione
a un inedito sapore
spalmato sul palato
che ne smorzi la tonalità

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati marzo 2014

15 commenti:

  1. Quella stella, nella sua intensità ha attirato la mia attenzione, in questa inedita poesia
    Saluti,Marco

    RispondiElimina
  2. Elegantissimi versi, complimenti, carissima, buongiorno
    Rosa Maria Giorgio

    RispondiElimina
  3. Un vibrar di toni notevoli...bellissima, come sempre
    Paola Romani

    RispondiElimina
  4. Sei sempre nuova ed elegante...piena di fascino e prodiga di emozioni
    Francesca Romani

    RispondiElimina
  5. Ssplendida, buongiorno, cara Silvia
    Rita Stanzione

    RispondiElimina
  6. Parole armoniose ed eleganti...bella Silvia
    Fidia Quaranta

    RispondiElimina
  7. Elegante melodia in versi, stilati con l'inchiostro dell'anima...bellissima!
    Dany Blasi

    RispondiElimina
  8. Sempre brava
    Annarita Gambelli

    RispondiElimina
  9. Grazie infinite a tutti delle gradite osservazioni, buon sabato e un abbraccio,silvia

    RispondiElimina
  10. Molto bella ed elegante nel suo dire. Buona domenica Silvia!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  11. Superba
    Antonio Ardisia

    RispondiElimina
  12. Che ambo foto e poesia!
    Enio Orsuni

    RispondiElimina
  13. Bellissima, Silvia, le assimetrie diventano motivo di fascino e speciali per la loro unicita', complimenti, ciao baci rosa buona serata.)
    Rosa Santinelli

    RispondiElimina
  14. Asimmetrie che incantano e lasciano un qualcosa di speciale dentro me. La tua eleganza lessicale mi rapisce sempre! Grazie Poetessa Silvia!
    Luisa Alessandri

    RispondiElimina
  15. Sarà forse l’ora - ma un rincorrersi di versi lasciano in chi legge particolare stordimento. Berta Biagini

    RispondiElimina