Translate

lunedì 1 settembre 2014

SULL'USCIO

                                                                  


Ove lo sguardo

non è più agli albori

guarda sull’apice

d’un crinale che si ripeta

offrendo scenari taglienti

densi di ruvidi volteggi

E’ allora che il vedere

spore e attriti

accresca il desiderio di bende

diradanti sghembe dinamiche

sull’uscio d’una retina

che accolga tumulti ed eresie

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati giugno 2014

18 commenti:

  1. Così lontano eppur così vicino, seppur arcano il senso.
    Bruno Amore

    RispondiElimina
  2. Ciao Silvia, bellissima, molto profonda e attuale, compimenti, buona settimana baci rosa.
    Rosa Santinelli

    RispondiElimina
  3. Una profonda lirica bellissima complimenti Silvia
    Agnese Giallongo

    RispondiElimina
  4. Bellissima Silvia buona giornata
    Marta Giaccaglia

    RispondiElimina
  5. Molto bella Silvia...buona giornata
    Fidia Quaranta

    RispondiElimina
  6. Bella e profonda.
    Annarita Gambelli

    RispondiElimina
  7. Bella, buon lunedì....
    Maria Sordello

    RispondiElimina
  8. Molto bella ed originale, buon inizio di settimana cara Silvia!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  9. Meravigliosa, ed ha una chiusa che lascia una scia profonda e intensa. Buona settimana cara e bravissima Poetessa!
    Donatella Pezzino

    RispondiElimina
  10. Grazie a tutti dei bei commenti, buon lunedì e un abbraccio,silvia

    RispondiElimina
  11. L'avanzare degli anni ci fa spesso accettare con maggiore difficoltà le esperienze difficili della vita, ciò che ci accade attorno...si desidererebbe quasi non vedere o se possibile solo intravedere per attutire l'impatto che se ne riceve....
    questa è solamente la mia interpretazione, se sono lontana da quello che era il tuo dire, ti lascio comunque tutti i miei apprezzamenti per la bella lirica. Un abbraccio, Stefania

    RispondiElimina
  12. Morbide emozioni...
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  13. Incanto e meraviglia aperte nell'elegante ventaglio dei tuoi versi!!!Un bacio e buona serata cara Silvia!
    Dany Blasi

    RispondiElimina
  14. Splendida, ricchissima non soltanto nel lessico
    Renato Fedi

    RispondiElimina
  15. Bellissimi versi
    Rita Stanzione

    RispondiElimina
  16. Il tempo passa, non dobbiamo arrenderci girando gli occhi da un’altra parte, ma cogliere il vero senso di questa vita che riserva sempre sorprese belle o brutte che siano. Berta Biagini

    RispondiElimina
  17. Il quotidiano ripetersi di violenze e soprusi in questo mondo perverso colpisce la nostra retina. Oramai l’occhio assuefatto dalle scabrose immagini di storia antica e nuova, sembra abbia un presente inciso al ritroso che, perturbando sensibili stati d’animo, voglia accresce di inibire la vista a sentieri contorti d’umanità che, a quanto pare, è solo dedita a rivolte e persecuzioni di sorta. Sempre acute le tue riflessioni cara Silvia, come in questa pregiata lirica che descrive lo sgomento di fronte a difficoltà create da ambiziose entità intelligenti.

    RispondiElimina
  18. Seppur con un rigido ermetismo, l'espressione di "violenza d'immagini" che subiamo quotidianamente è molto evidente nei tuoi versi.

    Ciao Silvia.

    RispondiElimina