Translate

lunedì 12 maggio 2014

PREGIUDIZI

                                                              
                                    


Densi d’immagini luttuose
sono  incursioni di pensieri ombrosi
nei respiri concitati
di fotogrammi senza tempo
Martellano a piombo
la soglia d’attenzione
nella tregua ormai sfuggente
a proiezioni rubiconde
forse perse nella cecità remota
Ed è un oscuro sentore  astratto
presente nella conca della vita
a non dare assoluzione a chi
indossi pregiudizi
articolando a dismisura
la linea dello zigomo

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati settembre 2013

13 commenti:

  1. Quella linea dello zigomo, mi piace molto...
    Saluti, Marco

    RispondiElimina
  2. Emblematica la foto..
    Un abbraccio Silvia
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. I pregiudizi, non sono mai imparziali ma imprimono ai comportamenti un secondo fine che non ha modo di essere. Bei versi che scorrono in volteggi fino a portare il lettore a fondo della lirica accompagnandolo per mano. Molto bella, ciao Silvia, ti auguro un buon pomeriggio !
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
  4. Molto Bella buon giorno Silvia, Agnese Giallongo

    RispondiElimina
  5. Splendida buon giorno carissima, Rosa Maria Giorgio

    RispondiElimina
  6. I pregiudizi sono duri a morire..bella Silvia, buongiorno, Fidia Quaranta

    RispondiElimina
  7. Ciao silvia, bellissima descrizione, profonda, complimenti, ciao grazie buona settimana rosa:)

    RispondiElimina
  8. La foto scattata in passato,come immagine è superata.
    Le emozioni che essa provoca ombrano il soggetto che
    s'immerge in quella occasione del passato, alterandone anche il respiro.
    Egli studia quella situazione rosea di ieri ,con attenzione,
    ma,l'occasione di ieri è sfuggita.
    Il passato se lo riconduciamo al presente è una forma astratta
    e non dà tranquillità a colui che esprime giudizi a situazioni di ieri,
    mordendosi i gomiti.
    PREGIUDIZI di Silvia DE ANGELIS insegna ad apprezzare l'occasione al momento perché domani è già tardi e vivere il rimpianto, fa soffrire inutilmente l'Essere. Sempre profonda nelle riflessioni ed incisiva. BRAVISSIMA. Di Fidio Angelo Saverio

    RispondiElimina
  9. Mai scontate le tue poesie,bravissima, Paola Romani

    RispondiElimina
  10. Un Poema profondo come il mio oceano.Mille complimenti! Nadia Mazzocco

    RispondiElimina
  11. Brava, sempre in le tue poesie piene di significato, Enio Orsuni

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti, di cuore, dei bei commenti, buona serata e un abbraccio, silvia

    RispondiElimina
  13. Un menù fantastico, Simonetta Simoncini

    RispondiElimina