Translate

domenica 6 ottobre 2013

NELLE PIEGHE DELLA NOTTE

                                                 


E’ bellissimo quello scorcio cosciente della sera, quando prima di abbassare le ciglia, precipitiamo in uno stato di quasi incoscienza…è allora che immagini sfocate, premonitrici del sogno vero e proprio, si rincorrono dolcemente fra le oasi del nostro sé, immergendoci in  quel cortometraggio animato, del quale diventeremo protagonisti.

La notevole creatività del nostro cervello viene allora alla ribalta, mescolando in modo confusionario ricordi, illazioni, remore e quant’altro al momento le possa apparire  più succulento possibile,  cosicchè iniziamo a vivere un’ avventura strampalata, che rincorriamo animosamente, ma che all’improvviso cambia il suo tema, spiazzandoci per l’illogicità dell’inaspettata nuova situazione.

Visibilità tenui e sfondi carichi di colore, s’alternano, in attesa che la nostra ombra segreta s’immerga in quei paesaggi suggestivi, che ci meravigliano per i picchi d’infinito  e ci faranno intraprendere azioni insospettabili, che nella vita reale ripudiamo con tutte le nostre forze.

Eppure se riuscissimo ad analizzare, con calma, e con  un’ottica diversa dall’usuale, quell’affascinante vissuto, ci potrebbe apparire meno stonato e assai più veritiero di quanto potremmo osservare sul momento.

Infatti quando dormiamo, siamo soliti abbandonare le resistenze e gli impedimenti che ci frenano, nella fase cosciente della nostra vita, e la parte più nascosta del nostro io, quella che se ne sta silenziosa in un angoletto, entra in azione indisturbata…..così ne combina di tutti i colori, anche se, spesso, al nostro risveglio, non riusciamo a ricordare, esattamente, quanto animosamente abbiamo vissuto nelle fitte pieghe del buio.

Eppure, al mattino, ciò che abbiamo registrato nella nostra mente, sembra dare il suo imput alla giornata, infatti se il coinvolgimento notturno ci ha emozionato con sensazioni positive, ci sentiamo rilassati e molto creativi, in caso contrario, un senso  di malessere, rende faticoso guardare con benevolenza il rosa vellutato dell’alba…

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati ottobre 2013

24 commenti:

  1. Sono d'accordo completamente con la tua profonda e bella riflessione...il sapore di certi sogni che si realizzano nelle ali della notte, mi resta addosso a lungo e ti giuro, mi cambia l'umore, sia in positivo che in negativo, quasi fosse una vita parallela e sfuggente! Sempre bello leggerti! buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia davvero importante l'influenza che i sogni hanno nella nostra vita...
      Grazie delle gradite osservazion, Rosanna, buona domenica e un abbraccio, silvia

      Elimina
    2. Grazie di esserci, Piera, con gratificanti osservazioni....
      Un bacio grande, silvia

      Elimina
  2. ciao Silvia, un argomento molto interessante e affascinante descritto chiaramente e ampiamente complimenti, molto scorrevole e di piacevole lettura, i sogni sono valvole di sfogo, penso che riuscire a decifrarli in modo corretto, potrebbero aiutarci a risolvere i nostri problemi inconsci, io sogno spesso e li ricordo anche.) ciao grazie baci rosa buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello poter ricordare i nostri sogni, e apporre su di essi, le giuste considerazioni del momento...
      Grazie della presenza, Rosa, vivi una serena festività. Un abbraccio, silvia

      Elimina
  3. Bravissima, hai steso pensieri come stelle alla luna, baci Patty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita, cara Patty, e delle suggestive osservazioni
      A presto, un sorriso per te, silvia

      Elimina
  4. Mi piace assai, il tuo scrivere, sul fascino dei sogni...
    Saluti, Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Marco, un sorriso per te, silvia

      Elimina
  5. Verità sacrosanta che però lascia un tantino di amarezza quando ci rendiamo conto che tutto è solo un sogno – riuscendo comunque a rivivere anche nella realtà quegli attimi belli o brutti che ci hanno abbracciato. A volte i sogni sono anche premonitori ed è lì che le nostre paure si fanno avanti cercando di cancellare dalla mente quanto ci fa male. Viceversa gustiamo senza sosta,arrampicandoci magari sugli specchi.
    I sogni sono capaci anche di tornare alla ribalta a distanza di tempo, nella realtà, ed è qui che non riesco a capirne il perché! Berta Biagini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, a volte il significato dei sogni ci trasmette un pò di ansia, come se
      in esso fosse contenuta qualche preemozione inerente la nostra vita...
      Un abbraccio, cara Berta, silvia

      Elimina
  6. cara Silvia hai descritto con perizia e bell'eloquio la luce e il buio che si alternano ossessivamente in noi l'inconscio che ci governa gli spiragli di ottimismo che ci aiutano ad affrontare un nuovo giorno e gli ostinati tentativi di allontanare la cupezza. sei brava e profondamente riflessiva.ciao Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi immaginare quanto mi faccia piacere leggerti tra queste righe, cara Francesca, con un approfondito commento, su quanto ho voluto comunicare in questo elaborato...
      A presto, carissima, un bacione, silvia

      Elimina
  7. Ciao Sivia. Interessantissimo post che mi ha fatto pensare. Il mio cruccio è che quasi sempre non ricordo i miei sogni se non due volte nella mia vita, ed erano talmente vivi e reali che ho quasi la certezza d'aver vissuto una esperienza parallela- In uno ambientato nell'agorà di una antica città greca parlavo addirittura in greco antico (ho studiato al liceo classico) perfetto e fluente come fosse italiano e colloquiavo con un mio coetaneo di problemi politici e sociali....questo sogno risale esattamente a diciotto anni fa e non ti nascondo che vorrei ripetere questa esperienza...
    Un caro saluto e buona domenica.
    Pino

    RispondiElimina
  8. Comprendo quanto ti dispiaccia di non ricordare i tuoi sogni più recenti, perchè tutti abbiamo questo vissuto notturno, e quanto ti sia rimasto impresso il tuo sogno ambientato in Grecia....vedrai che, nel tempo, tornerai in quei luoghi ambiti, con nuove immagini...
    Grazie infinite della tua visita, buona festività e un caro saluto, silvia

    RispondiElimina
  9. Belle le tue riflessioni sui sogni cara Silvia, come affascinanti lo sono alcuni che pare di viverli e gioire se danno gioia, altrettanto se sono sogni un po' angosciosi ci fanno star male e molto spesso, la mattina, se li ricordiamo ci danno l'avvio di vivere la giornata in positivo o in negativo. Ti auguro una lieta domenica e t'invio un abbraccio!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazissime, delle belle considerazioni Grazia, a questo scrivere su momenti particolari della nostra esistenza...
      Buon proseguimento di domenica e un abbraccio, silvia

      Elimina
  10. Considerazioni profonde e riflessive..in balia del sogno ci ritroviamo ogni sera tra gioie o angoscie in un alternarsi di situazioni che condizionano positivamente o negativamente il nostro risveglio...anche se non resta il ricordo, rimane la sensazione.
    Piacevole lettura...
    Buona settimana, stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite delle piacevoli considerazioni, cara Stefania, a questo elaborato, vivi una splendida settimana, silvia

      Elimina
  11. Se non e volare queste tue parole, il volo cosa è?
    Grande Silvia.
    Il mio abbraccio forte
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto appaganti le tue affermazioni a questo scrivere, Mau....grazie di cuore
      Tanto sole nel tuo giorno, silvia

      Elimina
  12. Un interessante articolo che, pur nel suo taglio poetico, ribadisce in un certo qual modo, le teorie psicanalitiche sul sogno e sugli stati onirici, in generale.
    Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazissime, Guardiano del Faro, delle gradite osservazioni a questo brano, scritto in modo molto spontaneo....
      Buona serata e un saluto, silvia

      Elimina