Translate

sabato 1 giugno 2013

IL GIRO DEL COMPASSO

                                               


In quell’inserto
riconducibile alla felicità
o a quanto ognuno di noi
s’avvicini a essa
viviamo forse per contrasto
notevoli vortici d’amarezza
Scompensano
il nostro equilibrio
traendoci  in uno stato d’ agonia pura
esfoliante preziosi respiri di vita
La razionalità allora
sembra spinta in un abisso nero
e lo sfrigolare di turbamenti girovaghi
nella stanza della coscienza
diviene interprete
d’un  sussulto irreparabile
amato complice d’un brivido di luna
quando nel giro del compasso
s’attardi per non sfiorare il sole

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati maggio 2013

14 commenti:

  1. Ciao Silvia, quando siamo vicini alla felicita', temiamo di perderla,cerchiamo in tutti i modi di conservarla, quindi non godiamo a volte pienamente della situazione, quando si e innamorati si ragiona con il cuore, quindi diventiamo irrazionali, vorremmo fermare il tempo, gli attimi,che ci rendono felici...
    ciao grazie bella come sempre, buon week end a presto rosa.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre approfonditi, e di grande intensità, i tuoi bei commenti, Rosa....grazie infinite.
      Trascorri un fine settimana strepitoso, un abbraccio, silvia

      Elimina
  2. Ammirata dalla bellezza di questa poesia.
    Buon fine settimana e un caro saluto, Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del gradito intervento, Laura, un abbraccio, silvia

      Elimina
  3. Per la paura di perdere quella felicità a cui teniamo tanto, è tanta la paura di non saperla gestire che alla fine commettiamo tanti passi falsi come dilettanti allo sbaraglio, che alla fine non riusciamo a percepirne neppure il suo minimo contatto.
    Felice sabato ed un caro saluto, cara Slvia
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto appropriato il tuo commento di oggi, a questi versi, Grazia. Ti ringrazio infinitamente di leggermi.
      Tanto sole nel tuo sabato, un sorriso per te, silvia

      Elimina
  4. La felicità è un vento lieve che ci sfiora e veloce se ne fugge..lasciandoci il rammarico di non averlo assoporato pienamente..
    Versi apprezzati, buon sabato, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di esserti soffermata, sulle pagine del mio blog, con graditi apprezzamenti...
      Buon fine settimana e un abbraccio, silvia

      Elimina
  5. Il cerchio ha sempre il suo punto al cuore.
    Buon pomeriggio Silvia
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te...
      Grazie di leggermi, a presto, Mau, silvia

      Elimina
  6. Eppure è vero, quando la felicità tocca la nostra pelle, subentra un senso di paura che non ci fa godere appieno del presente – il dopo è pieno di incognite che purtroppo si rivelano sempre prima del previsto.Berta Biagini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, Berta, la felicità ci crea uno stato incoscio d'ansia, che talvolta si dimostra fondato...
      Grazie delle intense osservazioni, buon sabato, silvia

      Elimina
  7. Condivido in toto il tuo pensiero, espresso in modo mirabile nei tuoi versi. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite di leggermi, cara Loretta, e di apporre intensi commenti nel mio blog...
      Inizia una settimana super, un abbraccio forte, silvia

      Elimina