Translate

giovedì 30 maggio 2013

FEMMINICIDIO

                                             


Coaguli di sangue sgranati nell’abisso
nel richiamo devastante
d’un demone accovacciato
sullo scalpitìo di braccia funeste
e l’urlo di tempie uncinate
Rosse venature nel contrasto
amore  odio
si fanno irriverenti
Batte la lingua a forza sul palato
nei colpi
scolpiti dal pensiero
tacitati solo dal silenzio d’un respiro
distillato nell’aura evanescente

Silvia De Angelis tutti i diritti riservati maggio 2013

15 commenti:

  1. Struggente!
    Grazie per essere passata da Sounds...e per aver espresso la voglia di partecipare...io sono uno dei collaboratori.
    Passerò con più calma a leggere le tue poesie...mi sembrano..."interessanti".
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del passaggio, e delle osservazioni, gradite.
      Buona giornata e un saluto, silvia

      Elimina
  2. Femminicidio uno dei più crudeli orrori, donne uccise da presunti amori che rivelano follia, truce possessione spietato odio , Bravissima Silvia i tuoi versi ...un dolore di sensibilità e molto profondi, espressi di maestria, abbracci ,giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono strafelice di leggerti nel mio blog, con bei commenti riferiti alla mia poesia. Grazie di cuore, Giovanna, un bacione, silvia

      Elimina
  3. Femminicidio: di questi fatti eclatanti quest'anno le cronache ne hanno registrate tante, eppure non cessa questa pazzia d'odio contro il sesso più debole, certo l'uomo nella fattispecie d'essere bruto, pazzo o persona che crede d'avere la supremazia di vita o di morte verso donne inermi che hanno avuto la sfortuna d'incontrare questa persona, scarto del genere umano. Hanno avuto la peggior sfortuna che possa capitare nella vita, e qua mi fermo, perché mi fa troppo male addentrarmi in certi drammi e cattiverie che l'uomo possa racchiudere in un'anima marcia e priva di sentimento.
    Un caro saluto, vivi una bella giornata a scapito delle brutture che vagliamo nelle nostre poesie. Un caro saluto Silvia!
    Grazia Denaro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di esserti soffermata, con osservazioni approfondite, che prendono spunto, purtroppo, da eventi assai dolorosi della realtà che ci circonda.
      Vivi una giornata colorata, un abbraccissimo, silvia

      Elimina
  4. Eventi gravissimi che non possono lasciarci indifferenti per la loro cruenza. Versi forti, molto apprezzati.
    Un abbraccio, Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle tue gradite letture, Laura, un abbraccio, silvia

      Elimina
  5. Una lirica che colpisce per le immagini forti e lo spessore del contenuto...demoni in agguato e lingua che schiocca dolore e orrore! Ancora una volta riesci a catturare chi legge con la profondità affascinante dei tuoi versi...E anche con il nuovo look! Complimenti Silvia, sei davvero bellissima! Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre molto generosa, nei miei confronti, Rosanna, e ti ringrazio di cuore per questo.
      Non amo molto soffermarmi su temi drammatici, come questo che ho affrontato, oggi, ma penso che un autore, nella propria maturità poetica, debba affrontare temi disparati, sapendosi disimpegnare,
      con argomentazioni appropriate, su qualsiasi realtà esistente.
      Ti abbraccio con molto affetto, silvia

      Elimina
  6. Argomento molto doloroso, trattato con tinte forti, come forte è questa piaga nella società...
    Lirica molto profonda che colpisce.
    Buona giornata, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le tue gradite osservazioni a questa poesia molto dolorosa.
      Tanto sole nel tuo fine settimana e un sorriso per te, silvia

      Elimina
  7. Versi che scorrono come un mare di dolore in questa intima violenza perpetrata sulla pelle delle donne.In questa rete che amore non è, di solito cascano donne acquiescenti che si lasciano irretire da false promesse e ipocriti gesti gentili. Il risveglio è sempre amaro, per molte di esse distruttivo. La paura e la debolezza fanno si che restino sole e in silenzio. Plagiato arrivano a convincersi quasi che se lo meritano.
    Gradisco sempre le tue liriche che parlano di impegno umano.
    Un saluto, Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto approfondito, e carico di grande sensibilità, il tuo bel commento a questa dolorosa poesia.
      Grazie del gradito intervento, un abbraccio, Elena, silvia

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina